• Seol

Accesso Area Medica Registrazione

L'isola Lachea di Giuseppe Palumbo


La Leggenda e la poesia | La storia | Flora e fauna |

L'isola Lachea dista da Acitrezza circa 200 m; da nord a sud si estende per circa 150 m e da est a ovest per circa 145 m.
A est una grande insenatura divide quasi in due parti l'isola, che a nord si allunga in una Punta detta Cornera. Attorno all'isola troviamo i faraglionelli, il faraglione degli uccelli, il faraglione di mezzo, due scogli (u zu Janu di terrae u zu Janu di fora) e il faraglione grande, che è separato dall'isola da un canale (u zottu), da due isolette (Pitrudda e Pietra Lunga) e da un altro canale (U purtusu).

Sul faraglione grande si nota in cima una roccia bianca, il cappellaccio di marna, residuo dell'antico fondale marino.
Nei basalti della zona a sud si ritrova un particolare minerale appartenente alla famiglia delle zeoliti: l'analcime, che presenta splendidi cristalli aghiformi, ricercati dai collezionisti di tutto il mondo.
All'azione abrasiva delle onde sono da addebitare cinque diversi meccanismi:

- l'erosione alla base della scogliera
- i solchi e le spaccature nella roccia
- gli archi naturali
- le grotte di abrasione con orifizi sul tetto
- le buche di erosione o marmitte dei pigmei, che ricordano le marmitte dei giganti delle regioni glaciate.